Ciò che la fotografia duplica all'infinito ha avuto luogo solo una volta:
essa riproduce meccanicamente ciò che non potrà ripetersi esistenzialmente.
"Ogni fotografia è un certificato di presenza"
Roland Barthes (1915-1980), La Chambre claire. Note sur la photographie (1980)

mail: info@daniaguggiroli.it